il formaggio del cuore

In occasione della manifestazione “Gemona. Formaggio… e dintorni” l’Ecomuseo delle Acque e la Condotta Slow Food “Gianni Cosetti”, con la collaborazione di qbquantobasta rivista mensile di gusto e buon gusto nell’euroregione, promuovono un concorso per far conoscere diversità e qualità dei formaggi a latte crudo presenti nel Nordest d’Italia e nelle vicine Slovenia e Austria.

Il concorso, riservato a food blogger e food writer, chiede agli appassionati scrittori di cucina di andare oltre la ricetta raccontando non solo la preparazione ma anche la storia degli ingredienti e i loro luoghi di origine. Tutti gli articoli pervenuti saranno pubblicati sul quotidiano on line www.qbquantobasta.it 

I primi tre classificati verranno premiati con una selezione di formaggi Presidi Slow Food presenti alla manifestazione e vedranno pubblicato il loro articolo sul mensile cartaceo qbquantobasta – gusto e buon gusto nell’euroregione. Al primo classificato viene offerto un soggiorno per due persone nell’Ecomuseo delle Acque del gemonese.

RACCONTATE IL VOSTRO FORMAGGIO DEL CUORE
TELL US ABOUT YOUR FAVORITE CHEESE
PICHE PIŠITE O VAŠEM NAJLJUBŠEM SIRU

Digressione | Pubblicato il di

festa del formaggio 2015

La manifestazione “Gemona, formaggio e… dintorni”, promossa dal Comune di Gemona del Friuli e dalla Pro Glemona nelle giornate del 16, 17 e 18 ottobre 2015, vede anche quest’anno tra gli organizzatori l’Ecomuseo delle Acque del Gemonese, che con la Condotta Slow Food “Gianni Cosetti” promuove alcuni eventi ed ospita vari Presìdi e Prodotti dell’Arca di Slow Food provenienti da Piemonte, Emilia, Trentino, Slovenia e Friuli ed organizza gli apprezzatissimi laboratori del gusto 

Segnaliamo i due incontri in programma presso il Laboratorio didattico sul terremoto in piazza Municipio 5

Sabato 17 alle 16 avrà luogo il convegno “Cibo, cultura e territorio. Il ruolo dei musei e degli ecomusei nella valorizzazione del patrimonio agroalimentare”
Intervengono: Stefano Mayr della Rete degli Ecomusei del Trentino, Daniela Perco direttrice del Museo Etnografico della Provincia di Belluno, Giuseppe Pidello coordinatore dell’Ecomuseo Valle Elvo (Biella), Tiziana Ribezzi conservatrice del Museo Etnografico del Friuli, Maurizio Tondolo coordinatore dell’Ecomuseo delle Acque del Gemonese
Modera Christian Romanini, direttore della rivista “Tiere Furlane” edita dalla Regione FVG

Musei ed ecomusei si confrontano sul tema del patrimonio agroalimentare e sul ruolo delle istituzioni culturali per la conservazione attiva e la riqualificazione del paesaggio e per la tutela della biodiversità agraria. Verrà presentato il progetto “Eco Slow Road”, che mette in relazione fisica e virtuale una ventina di realtà museali ed ecomuseali italiane in occasione di EXPO 2015 (www.ecoslowroad.eu)

Domenica 18 alle 11 si svolgerà l’incontro “Donne della resistenza… casearia”

Agitu Ideo Gudeta, allevatrice e produttrice casearia in Val di Gresta, e Irene Piazza, casara a Malga Cavallara di Castello Tesino, dialogano con Max Plett presidente di Slow Food FVG
Seguirà degustazione di Formaggio di capra mochena, Nostrano di malga, Caciotta alle erbe aromatiche, San Pietro in cera d’api (miglior formaggio d’Europa 2015)

Agitu Ideo, 37 anni etiope, è fuggita da Addis Abeba: dopo aver studiato sociologia a Roma, si è trasferita a Valle San Felice, in Val di Gresta in Trentino, dove alleva capre a rischio di estinzione su terreni recuperati dall’abbandono, raccoglie il latte e lo trasforma in formaggio e in yogurt in un piccolo caseificio che è anche agriturismo sociale. Nel 2015 le è stato conferito il Premio Resistenza Casearia promosso da Slow Food. 

Irene Piazza, 22 anni feltrina, fa la casara in una malga della Valsugana e studia scienze e cultura della gastronomia all’Università di Padova

programma delle iniziative

Digressione | Pubblicato il di

mappa di comunità di Montenars

In occasione della tradizionale “Festa delle castagne”, sabato 10 ottobre alle 17 presso la sala consiliare del municipio sarà presentata la Mappa di comunità di Montenars, realizzata dopo un processo partecipativo promosso dall’Ecomuseo delle Acque del Gemonese che ha coinvolto la popolazione locale e che si è reso possibile grazie al contributo del GAL Open Leader e la collaborazione del Comune e della Pro Montenars, nell’ambito del progetto di cooperazione interterritoriale “Costituzione di una rete ecomuseale per la gestione dei propri paesaggi” previsto dal Piano di Sviluppo Locale. Interverranno Claudio Sandruvi sindaco di Montenars, Francesca Comello presidente di Open Leader, Maurizio Tondolo coordinatore dell’Ecomuseo, Andrea Petrella facilitatore e Saul Darù illustratore. Durante la presentazione della mappa saranno illustrati gli obiettivi dell’iniziativa, i metodi utilizzati e le tematiche trattate e verrà presentato un video, realizzato dalla società RedOn, che documenta i “Cantieri del paesaggio”, sui roccoli e i muretti a secco, allestiti a conclusione del progetto.

la mappa della comunità di Montenars

Digressione | Pubblicato il di

cantiere del paesaggio in Val Resia

A completamento del progetto di cooperazione interterritoriale “Costituzione di una rete ecomuseale per la gestione dei propri paesaggi” inserito nel Piano di Sviluppo Locale del
GAL Open Leader (Misura 421) in cui sono coinvolti gli ecomusei attivi sul territorio di Gemonese, Canal del Ferro e Val Canale, verranno avviati dei “Cantieri del paesaggio”. I cantieri, veri e propri laboratori formativi prevedono il coinvolgimento di esperti locali per il recupero di attività e mestieri tradizionali con l’obiettivo di valorizzare il patrimonio culturale e paesaggistico del territorio.

L’Ecomuseo Val Resia promuove la realizzazione di un cantiere relativamente alla preparazione di un campo per la coltivazione tradizionale dell’Aglio di Resia
avviso di gara cantiere Ecomuseo Val Resia
allegato a) offerta
allegato b) dichiarazione lavoro accessorio

Digressione | Pubblicato il di

riaperti termini assegnazione incarico

RIAPERTI I TERMINI DELL’AVVISO PUBBLICO
DI ASSEGNAZIONE INCARICO MURETTI

A parziale modifica dell’art. 8 dell’avviso pubblicato il 23 luglio, i soggetti interessati alla presente indagine di mercato potranno far pervenire la propria candidatura non più tardi delle ore 18.00 del 17 agosto 2015 con le modalità descritte nell’avviso.
avviso di gara cantiere Ecomuseo delle Acque [muretti]
allegato (A) offerta [muretti]
allegato (B) dichiarazione lavoro accessorio

Digressione | Pubblicato il di

cantiere del paesaggio al Roccolo di Spisso

Prendono avvio a metà settimana i Cantieri del paesaggio, veri e propri laboratori all’aperto promossi dall’Ecomuseo delle Acque del Gemonese e dal GAL Open Leader nell’ambito di un progetto di cooperazione interterritoriale che vede coinvolti altri ecomusei friulani e umbri. L’obiettivo è il recupero di attività e mestieri tradizionali e la valorizzazione del patrimonio culturale e paesaggistico locale. I contesti su cui si svilupperanno gli interventi saranno due: i roccoli e i muretti a secco.

Il primo cantiere, aperto al pubblico e della durata di alcuni giorni, riguarderà la gestione e manutenzione del Roccolo di Spisso nel Comune di Montenars con dimostrazione pratica delle tecniche e degli strumenti utilizzati per la potatura del carpino bianco (çàmar in friulano), la specie vegetale utilizzata per dare forma all’impianto. Si tratterà a tutti gli effetti di un breve corso di “arte topiaria”, quella particolare tecnica che consiste nel dare una forma geometrica ad alberi e arbusti, diversa da quella assunta normalmente dalle piante, in questo caso per disporre di un boschetto artificiale che fosse funzionale alla cattura degli uccelli.

Il roccolo in questione è stato piantato da Luigi Zanitti, detto Spisso per il pizzetto che portava, a metà del secolo scorso dopo anni di lavoro: è uno dei più estesi e articolati del territorio di Montenars, insistendo su una superficie totale di 13 mila mq per un perimetro di 170 ml. Lo costituiscono tre anelli posti a livelli diversi con un lungo corridoio che collega il cerchio intermedio a quello inferiore. La vastità dell’impianto ha sempre richiesto una gestione continua e capillare. Alla potatura, effettuata manualmente facendo uso degli strumenti tradizionali, si aggiungono gli interventi di manutenzione straordinaria come il rinnovo e la sostituzione degli alberi secchi o deperiti.

Partecipazione gratuita, per iscriversi chiamare il 338 7187227

Digressione | Pubblicato il di